Hertzapoppin – Consiglio acquisto pianoforte Yamaha u1

12 ottobre 2011

Consulenze pianoforti

buon giorno
ho visto il forum su internet, dove, molto chiaramente e gentilmente lei
risponde ai quesiti posti anche a persone che come me, sono in procinto
di acquistare un pianoforte verticale; volevo chiederle se esiste un
link nel web ,dove, inserendo il numero di matricola del piano, si può
risalire all’età dello stesso.
Attualmente sto suonando da tre anni con un piano a noleggio, e adesso
sarei intenzionato  ad acquistare uno usato; sarei indirizzato verso un
yamaha u1 oppure u3. Se non dovesse esserci un link con i riferimenti
per l’anno di fabbricazione, le chiedo che numero dovrebbe avere un
piano usato con 5/8 anni di età.
nel ringraziarla per la cortesia, voglia gradire i miei più cordiali
saluti.

 

Salve,  purtroppo non sono a conoscenza di siti che forniscano il servizio… le confesso che sarebbe utile anche a me, sicuramente di più facile consultazione rispetto al libro. Se posso permettermi, tra un pianoforte Yamaha U1 e un modello U3 opterei senza dubbio su un U3, facendo però molta, moltissima attenzione che i componenti meccanici non siano in plastica… molti preferiscono chiamarla fibra di carbonio ma il comportamento è esatattamente quello di una qualsiasi volgare plastica e nel giro di qualche anno, specie se collocato in ambiente umido si troverebbe con un pianoforte problematico.  Alla domanda sul seriale di un pianoforte di 5-8 anni purtroppo non posso risponderle perchè il seriale varia a seconda della fabbricazione dello strumento.

Saluti, Francesco.

 

 

accordatore roma pianoforte accordare roma lazio accordatore pianoforte prezzi accordatura roma pianoforte restauro pianoforte roma lucidatura gommalacca pianoforte restauro meccanica manutenzione pianoforte roma lazio e provincia accordatore esquilino pianoforte centro storico roma accordatore pianoforte a roma prezzi costo accordatore pianoforte scuole di musica a roma accordatura prezzi roma accordatore yamaha roma pianoforte yamaha accordatore roma restauro riparazione
Annunci
, , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Francesco

Insegnante e restauratore di pianoforte

Vedi tutti gli articoli di Francesco

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

4 commenti su “Hertzapoppin – Consiglio acquisto pianoforte Yamaha u1”

  1. saveriosalerno Dice:

    Caro francesco,mi spieghi cortesemente,perchè la meccanica in fibra di carbonio,è vincente rispetto a quella realizzata in legno…..
    Salutissimi
    saverio

    Rispondi

    • Francesco Dice:

      Ciao Saverio, purtroppo non ritengo affatto la fibra di carbonio superiore al legno, le carenze gravi a mio avviso superano di gran lunga i pregi. Tanto per iniziare hai mai visto un pianoforte degno di questo nome con componenti in fibra? Il legno rimane al momento ancora l’unico materiale valido, sicuramente delicato ma meglio gestibile.
      La fibra di carbonio è sicuramente resistente e leggera ma ha la grande pecca di funzionare male,malissimo in ambienti umidi: infatti a differenza del legno che è un materiale vivo e “respirante” non riesce ad espellere l’umidità che via via va accumulandosi nel Cashmere il quale ossida nel tempo i perni e blocca la meccanica. In ambienti secchi è tutt’altro discorso.
      Lascio comunque aperta la questione a correzioni e rettifiche… ch preferisce la fibra si faccia avanti, spiegando magari anche il perchè.
      Spero d’esser stato utile, e prima o poi pubblicherò un post con immagini esplicative.
      Saluti, Francesco

      Rispondi

      • Andrea Dice:

        Caro Francesco, da qualche tempo mi sono tuffato nella ricerca di un pianoforte usato (come ti ho anche scritto in una lunga email che molto probabilmente non sei ancora riuscito a “evadere”) e, tra le tante variabili da considerare mi sono imbattuto anche in quella sull’uso nel pianoforte di fibre sintetiche. Provo a dare il mio contributo alla discussione. Ho visto che la Kawai (che certamente porta acqua al suo mulino) sponsorizza energicamente l’uso di componenti di questo tipo, portando come prove proprio test di esposizione all’umidità di legno e plastica (ABS), a questo link http://goo.gl/VmxHg si trovano le loro tesi e i loro risultati.
        Personalmente il pensiero di parti in plastica all’interno di un pianoforte mi lascia interdetto, proprio per la natura “acustica” dello strumento. Tuttavia la diatriba rimane interessante e mi piacerebbe, dopo l’apologia dell’ABS fatta dalla Kawai, sapere di più sulle criticità nell’utilizzo delle fibre sintetiche.
        un saluto,
        Andrea

Trackback/Pingback

  1. Hertzapoppin – Pianoforte U1 Yamaha datazione | Hertzapoppin - 9 gennaio 2012

    […] link 2 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: